Microsoft lavorerebbe a una Xbox lite solo per il videogioco in streaming

La prossima console generazione di Xbox Microsoft, chiamata in codice Scarlett, sarebbe composta da due diversi dispositivi. Ci sarebbe una console ancora tradizionale, cioè una normale evoluzione di Xbox One, e un dispositivo di streaming, chiamato Scarlett Cloud al momento, pensato per essere venduto a un prezzo inferiore.

La notizie proviene dal sito di tecnologia Thurrott e, per quanto possa contare, posso affermare di aver sentito simili voci su una coppia di Xbox di cui una destinata solo allo streaming pur non potendole sufficientemente verificare.

Secondo Thurrott i due dispositivi arriveranno nel 2020 (una data sensata per la prossima generazione di console) e Scarlett Cloud potrebbe essere particolarmente interessante perché non sarà un semplice dispositivo di streaming, non si limiterà a inviare gli input dei comandi a una macchina remota, su cui il videogioco girerà, e a ricevere i suoi output audio e video da trasmettere allo schermo della televisione.

Scarlett Cloud sarebbe invece dotato di una sua tecnologia, basata sul cloud Azure di Microsoft, e sarebbe capace di svolgere parte dei calcoli alleggerendo non tanto il lavoro delle macchine remote ma il carico di dati da far passare via internet. Un carico di dati ridotto vorrebbe dire minore latenza, minore lag, e sinora proprio la latenza è stata il punto debole dei servizi di streaming (e mi aspetto che possa esserlo ancora per diversi anni soprattutto in alcune zone del mondo).

Sappiamo già che Microsoft vuole lanciare un suo servizio di videogioco in streaming e molte grandi compagnie vedono lo streaming come il futuro della distribuzione di videogiochi. Yves Guillemot, presidente di Ubisoft, ha affermato di essere convinto che la prossima generazione sarà l’ultima generazione di console, perché dopo ci sarà unicamente lo streaming, ed è sensato che Microsoft presenti allora due dispositivi in quella che potrebbe essere una generazione di transizione.

Source Thurrott

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.