Scrittrice di Warcraft molestata per un colpo di scena (che non ha deciso)

Alcuni rabbiosi appassionati di World of Warcraft hanno molestato online una scrittrice del videogioco di ruolo con multiplayer online massivo di Blizzard Entertainment per protestare contro il recente cortometraggio distribuito dalla compagnia in attesa del lancio della prossima espansione Battle for Azeroth.

Il cortometraggio, intitolato Araldi della guerra Sylvanas, continua la serie Araldi della guerra iniziata con Araldi della guerra Jaina, destinata a concludersi con Araldi della guerra Azshara e dedicata a importanti protagonisti della guerra tra Orda e Alleanza. Guerra che in Battle for Azeroth tornerà al centro dell’attenzione dopo un periodo in cui i due schieramenti si erano alleati contro la più grande minaccia della Legione Infernale.

Nel cortometraggio Sylvanas Ventolesto dell’Orda guida l’esercito contro gli Elfi della Notte, decisa a conquistare Teldrassil, l’Albero del Mondo. Alcuni videogiocatori non hanno apprezzato la rivelazione finale del cortometraggio: Sylvanas è responsabile della totale distruzione di Teldrassil e del genocidio degli Elfi della Notte.

Il punto è che per la comunità di WoW l’Orda è una fazione che ha i suoi pregi e i suoi difetti, i suoi alti e i suoi bassi, ma che possiede la stessa dignità dell’Alleanza. WoW non è insomma lo scontro tra i buoni dell’Alleanza e i cattivi dell’Orda, come invece Blizzard ha spesso rappresentato in passato la guerra su Azeroth e come i giocatori dell’Orda temono che stia tornando ora a rappresentarla dopo aver invece promesso una narrazione ricca di sfumature di grigio.

I fan arrabbiati si sono quindi messi alla ricerca di un colpevole per la rivelazione e la loro ricerca ha trovato una vittima: Christie Golden, scrittrice di WoW e nota autrice di romanzi ambientati nel mondo di Warcraft. Poco è importato alla folla che la storia di un MMORPG sia un lavoro di squadra e che Golden non fosse neanche già presente quando i cortometraggi della serie Araldi della guerra furono pianificati (penso che essere donna abbia contribuito a renderla un bersaglio), ma Golden aveva ricevuto diversi messaggi ostili su Twitter (anche per la sua rappresentazione di Sylvanas) già dopo l’uscita del suo ultimo romanzo Before the Storm, che racconta gli eventi precedenti alla distruzione di Teldrassil.

Mentre Golden riceveva su Twitter messaggi che andavano dalla richiesta di dimissioni da Blizzard Entertainment a offese (“Sigh. Vi imploro di essere civili, tra qualche secondo però vi mando a fare in culo” ha risposto Golden snervata senza essere licenziata da Blizzard per aver attaccato la comunità dei giocatori), molti altri fan sia su Twitter sia sui forum di WoW sia su Reddit hanno invece mostrato supporto all’autrice.

Nella discussione è intervenuto anche Terran Gregory, direttore delle sequenze video all’interno di Battle for Azeroth. “Christie e io abbiamo lavorato insieme per un anno su tutti i video in-game di Battle for Azeroth e ancora non sono stati rilasciati. Gli attacchi personali che ha ricevuto oggi sono stati ingiustificati, orribili e inaccettabili. La supporto al 1000% e vi chiedo di fare altrettanto.” Anche Terran Gregory non è stato licenziato da Blizzard per aver difeso la sua collega.

Comunque spero che sia evidente a tutti l’ironia di un’orda di videogiocatori che attacca una persona perché non vuole che l’Orda sia cattiva in un videogioco.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.