Streets of Rage torna con un episodio dagli autori di Wonder Boy The Dragon’s Trap

DotEmu ha annunciato il ritorno della serie di piacchiacuro a scorrimento Streets of Rage di Sega, affidata stavolta a Guard Crash Games e a Lizardcube, sviluppatore del remake del proto-metroidvania Wonder Boy 3 The Dragon’s Trap di Westone Bit Entertainment intitolato solo Wonder Boy The Dragon’s Trap uscito prima su console Xbox One, PS4 e Nintendo Switch e poi su PC.

Uno dei videogiochi di cui mi dispiace non aver parlato abbastanza su Webtrek è proprio Wonder Boy The Dragon’s Trap, perché un perfetto esempio di come oggi possa essere riproposta fedelmente un’esperienza del passato pur rinnovandone grafica e gameplay, ma anche offrendo la possibilità di giocare con la grafica e l’audio originali (purtroppo non è possibile tornare al gameplay originale). Wonder Boy The Dragon’s Trap, con la sua grafica degna di un fumetto francese (e realizzata infatti dal fumettista Ben Fiquet), definisce anche nuovi standard nella qualità delle animazioni e del design visivo del suo genere.

Streets of Rage non riceverà un remake ma un vero e proprio seguito, Streets of Rage 4, che Lizardcube realizzerà insieme agli sviluppatori di Streets of Fury, Guard Crash Games. L’idea sarebbe quindi quella di accoppiare lo stile di Ben Fiquet e la qualità grafica di Wonder Boy The Dragon’s Trap con l’esperienza nei picchiaduro a scorrimento di Guard Crash Games e la serie Streets of Rage di Sega, ottenendo un’opera totalmente nuova. L’ultimo Streets of Rage è uscito nel 1994 per Sega Mega Drive, e la serie ha poi subito il declino che ha colpito l’intero genere.

DotEmu promette nuove meccaniche e una nuova storia che mi porterà, da solo o in compagnia di un amico, a scontrarmi con la criminalità attraverso una serie di pericolosi livelli. Streets of Rage 4 non ha ancora una data di uscita e non sappiamo su quali piattaforme arriverà, ma potete seguirne gli sviluppi sul suo sito ufficiale o sui suoi canali social e vi consiglio di guardarne il trailer.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.