GOG riconosce l’importanza delle patch di de-censura per le visual novel

Le visual novel di MangaGamer e Sekai Project, minacciate di rimozione su Steam, sono arrivate su GOG (mentre anche MangaGamer stesso annuncia di star potenziando la sua piattaforma di distribuzione). Alcune di queste visual novel sono distribuite in un formato “All Ages”, adatto a tutte le età, ma possono poi essere “de-censurate” usando opportune patch fornite da sviluppatori o editori sui loro siti ufficiali e GOG, a differenza di Steam, non limiterà la discussione di queste patch e la diffusione dei link per il loro download sulla sua piattaforma.

Le 18+ patch su GOG

“Quando sarà rilevante forniremo le patch per i contenuti per adulti per i titoli sulla piattaforma” mi scrive John Pickett, responsabile dei rapporti con la stampa di MangaGamer. “Come fonte, guarda l’annuncio fatto da GOG [per l’arrivo delle visual novel sul sito] dove esplicitamente citano la patch per de-censurare Sunrider.”

Ed effettivamente GOG non solo non nasconde che la serie Sunrider abbia simili patch ma le citano come normale parte della loro commercializzazione su internet. “La serie Sunrider (al momento scontata al 66%): un universo alternativo, uno scontro intergalattico, combattimenti tra robot, ambientazioni liceali e amore ovunque. Sunrider Mask of Arcadius (gratis!), Liberation Day e Sunrider Academy sono un amato e unico miscuglio di strategia, storia d’amore e visual novel. La patch per de-censurarne i contenuti è opzionale ma suvvia.” Il grassetto è mio.

In una e-mail GOG mi chiarisce meglio come intende procedere riguardo a questi contenuti. I grassetti sono di nuovo miei. “Voglio chiarire il significato di quel comunicato stampa [il riferimento alla patch nel paragrafo su Sunrider]. È il nostro modo di riconoscere che contenuti come le patch di de-censura siano  parte dell’esperienza finale per molti giocatori. Sapevamo che sarebbe stato così e non vogliamo interferire.

In pratica, per ora non pianifichiamo di ospitare questo tipo di contenuti come parte dei prodotti di GOG (non saranno contenuti bonus per i giochi e non saranno distribuiti come DLC) ma gli editori, gli sviluppatori e anche gli utenti sono liberi di pubblicare collegamenti a questi contenuti e discuterne sui nostri forum.”

GOG contro Steam

È una decisione che distanzia ulteriormente le politiche di GOG, piattaforma posseduta da CD Projekt di The Witcher, da quelle di Steam, piattaforma posseduta da Valve di Half-Life. Steam obbliga gli utenti a passare dal suo client, dal suo programma ufficiale e dai suoi sistemi anti-pirateria, per installare e gestire i suoi giochi, GOG ha un client opzionale ma garantisce per tutti i suoi giochi la possibilità di scaricare semplicemente i file di installazione dal sito della piattaforma.

GOG è un negozio curato: esseri umani scelgono cosa mettere in evidenza e cosa arriva sui suoi scaffali digitali. Questo crea a volte dei problemi: Opus Magnum di Zachtronics, ora presente su GOG, è stato inizialmente rifiutato nonostante la sua qualità e la fama del suo creatore, e la spiegazione data da GOG all’epoca era semplicemente una supercazzola. Ma Steam non ha alcuna curatela, gli utenti più volenterosi sono incoraggiati a occuparsi da soli (e gratuitamente) di dare ordine a un sito sempre più caotico e in cui per gli sviluppatori è troppo facile scomparire.

GOG ha ora aperto le porte alle visual novel mentre Steam ha minacciato improvvisamente, e senza troppe spiegazioni, di rimuovere dalla piattaforma una serie di opere tra cui Kindred Spirits on the Roof di Liar-soft e MangaGamer, un gioco che Valve aveva ammesso su Steam due anni fa dopo un’accurata verifica dei suoi contenuti svolta insieme al suo editore.

Soprattutto, parlando della questione della patch, Steam nel 2017 ha (di nuovo improvvisamente) vietato agli sviluppatori di pubblicare collegamenti ai download di patch per de-censurare i giochi o anche solo discuterne l’esistenza nei forum dei giochi della piattaforma per spiegare quale fosse il corretto procedimento per la loro installazione.

A ottobre del 2017 Dharker Studio (Galaxy Girls) e Lupiesoft (Mutiny!! uno dei giochi minacciati di recente da Steam) avvisarono gli utenti di non poter più pubblicare link alle patch su Steam e invitarono i videogiocatori a cercarle da soli sui siti ufficiali. Questo non ha ancora impedito comunque agli utenti di pubblicare i link e le istruzioni sui forum di Steam.

Valve non ha risposto a richieste di commenti in tempo per la pubblicazione.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.