Fallout 76 trasformerà i troll in una meccanica del gioco

Uno dei problemi principali dei videogiochi online, e soprattutto di quelli con elementi survival, è gestire il PvP, il rapporto e lo scontro non sempre corretto tra videogiocatori. È un problema che per esempio Sea of Thieves di Rare non è ancora riuscito a risolvere completamente, pur essendo un gioco che incoraggia un PvP che potrei definire “selvaggio”. Todd Howard di Bethesda ha invece spiegato durante QuakeCon come Fallout 76 si occuperà dei troll che obbligatoriamente arriveranno a far danni solo per il gusto di creare caos.

La soluzione scelta da Bethesda consiste nel rendere questi fuorilegge dei veri fuorilegge all’interno del mondo del videogioco. “Abbiamo deciso di trasformare gli stronzi in contenuti interessanti” ha dichiarato Howard.

Se sparerò a qualcuno l’altro avrà la possibilità di rispondere al fuoco (il mio primo colpo sarà solo un avvertimento e non causerà molti danni) e, se non lo farà, il videogioco considererà la sua uccisione un atto indesiderato e quindi punibile: l’assassino diventerà un ricercato con una taglia sulla testa (una taglia che pagherà direttamente dalle sue tasche) e sarà visibile sulla mappa di ogni giocatore mentre non vedrà sulla sua mappa gli altri utenti e non otterrà assolutamente niente dall’uccisione della sua vittima. Uccidere lealmente un altro giocatore interessato allo scontro premia invece in Tappi, la valuta di Fallout, e otterrò più tappi se ucciderò un avversario di livello superiore al mio.

La morte, inoltre, non farà perdere ai giocatori oggetti o equipaggiamento, ma sarà lascia per terra solo la “spazzatura”, tutti i materiali recuperati nel mondo del gioco necessari per il sistema di crafting. Il PvP non dovrebbe quindi diventare troppo punitivo per gli sconfitti, ma cercherà di premiare la sportività e di punire pesantemente i comportamenti sleali.

Fallout 76 non è il primo videogioco online a trasformare in una meccanica il comportamento a volte scorretto dei giocatori. Grand Theft Auto Online per esempio introdusse nel 2014 lo Stato Mentale, una statistica che, attraverso il colore, mostra agli altri la qualità del comportamento di un giocatore. Lo Stato Mentale è normalmente bianco, ma compiere azioni come investire i passanti o uccidere altri giocatori lo fa diventare progressivamente rosso e i giocatori sono incoraggiati ad assassinare i giocatori con uno Stato Mentale rosso perché farlo non peggiora il loro Stato Mentale e anzi li premia con una maggior quantità di Reputazione (esperienza).

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.