Doom Eternal permetterà di invadere le partite di altri giocatori

Durante la conferenze di Bethesda a QuakeCon, l’evento annuale della compagnia, è stato mostrato per la prima volta in tre video il gameplay del nuovo Doom Eternal, seguito del Doom del 2016 di idSoftware. Il gioco continuerà a ricalcare la trama dei Doom originali e quindi, dopo un primo episodio ambientato su Marte, il secondo porterà il Doom Slayer, l’Uccisore del Destino, sulla Terra invasa dai demoni dell’Inferno. Non per niente il secondo Doom aveva come sottotitolo “Hell on Earth” (“inferno sulla Terra”).

idSoftware ha promesso molte nuove armi, il doppio dei demoni rispetto al Doom del 2016 (e abbiamo già visto il ritorno di alcuni demoni da Doom 2 Hell on Earth, come il Pain Elemental), un’armatura ancora più grossa per il Doom Slayer con lanciafiamme/lanciarazzi montato su una spalla e una lama retrattile sul braccio per tagliare i demoni nel corpo-a-corpo (tranquilli, la motosega c’è ancora), e una storia che comincerà a scavare nella “lore”, nell’ambientazione del mondo di Doom. “Non stiamo più facendo un videogioco di Doom, stiamo facendo un universo di Doom” ha dichiarato Marty Stratton di idSoftware.

I video mostrano alcuni dei nuovi demoni e le nuove armi, tra cui una doppietta che ha montato un rampino sotto le canne dando al Doom Slayer nuove possibilità di muoversi nelle arene della campagna. Ma forse la vera sorpresa è stata nel secondo video, quando è stato svelato che in Doom Eternal sarà possibile trasformarsi in demoni e invadere le partite degli altri giocatori (se avranno impostato il gioco per permettere questo genere di attività PvP) un po’ in stile Dark Souls.

Doom del 2016 aveva un classico multiplayer in stile Call of Duty, decisamente incoerente con il sapore anni 90 del resto del gioco. La modalità non ebbe un grande successo e anzi fu pesantemente rimaneggiata da idSoftware che la tolse ai suoi sviluppatori originali, Certain Affinity responsabile di alcune delle meno amate modalità multiplayer degli ultimi anni (come quella di Halo 4). Non è chiaro se Doom Eternal avrà anche un multiplayer classico come lo ha avuto Doom 2016, come non sappiamo se avrà un simile editor delle mappe.

L’ultimo dei tre video è infine ambientato su Phobos, uno dei satelliti di Marte e ambientazione del primo episodio (Knee-Deep in the Dead) del Doom originario del 1993 e termina con il Doom Slayer che impugna una spada di energia infernale piuttosto simile al Crogiolo visto in Doom 2016.

Doom Eternal non ha ancora una data di uscita ma, secondo l’account Twitter ufficiale di Doom, arriverà su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch e sarà portato sulla console Nintendo da Panic Button, studio responsabile per i port di Rocket League, Doom, Wolfenstein 2 The New Colossus e prossimamente Warframe.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.