Nathan Drake muore sempre con un solo proiettile in Uncharted

Jonathan Cooper, che lavora come animatore a Nauhty Dog, ha raccontato su Twitter un dettaglio che ha scoperto dopo essersi unito alla compagnia: in Uncharted Nathan Drake non ha una statistica della “salute”, una quantità di vita che viene diminuita quando viene colpito dai proiettili nemici sino alla sua morte, ma muore al primo colpo che lo raggiunge.

Il fatto che Nathan Drake sembri resistere a molteplici proiettili nemici in Uncharted è dovuto al fatto che il protagonista abbia non una certa quantità di “salute” ma una certa quantità di “fortuna”: i proiettili nemici lo mancano consumando questa fortuna e generando l’effetto di “danno” che vedo sullo schermo, i segni rossi e il video in parte oscurato, sin quando la fortuna di Drake arriva a zero e un proiettile finalmente lo colpisce uccidendolo. Questo vuole anche dire che Nathan non ha una salute che si ricarica magicamente, ma una fortuna che si ricarica magicamente.

Amy Hennig, direttrice creativa dei primi tre episodi di Uncharted (ma in parte ha lavorato anche al quarto) ha confermato l’informazione. “Era la nostra idea originale, volevamo essere più fedeli allo spirito e al tono dei film che stavamo omaggiando”, film in cui i protagonisti vengono… immancabilmente mancati da nemici con una mira tremenda e ogni colpo subito è decisivo.

L’idea è interessante, ma credo che sia stata comunicata male ai videogiocatori se scoprirla dopo tanti anni mi ha provocato tanta sorpresa. Probabilmente il problema sta anche nella decisione di usare una comunicazione visiva equivalente a quella usata altrove per la salute senza chiarire la differenza.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.